Gallery
zeige Hintergrundbiler
Gallery
zurück zur Seite
DEU |  ITA |  ENG |  NED |  NOR |  ESP |  HUN |  SWE |  SVK |  FIN |  RUS |  POL |  DAN
  © 2014 by Hotelinfo Südtirol
Aree turistiche / Val Venosta / Laces/Val Martello

Vacanze a Laces - Val Martello

Laces si trova in mezzo della Val Venosta tra l'Ortles e la Alpi Venoste vicino del Parco Nazionale dello Stelvio e 20 minuti in macchina da Merano. Viene chiamato anche il frutteto d'Europa sicome viene colitvata la maggiori quantità di frutte per capite.

Laces ed intorni contano il maggior numero di castelli e fortezza della Val Venosta ed e una delle zone più soleggiate in tutto L'Alto Adige.

Gli abitanti sono di carattere tranquillo e riservato, molto ospitali e inoltre orgogliosi della loro terra. Escursionisti trovano numerosi sentieri nel magnifico paessaggio alpino, oppure possono passeggiare lungo i "Waalwege" che sono gli antichi canali d'irrigazione, visitare i monumenti d'importanza storico-culturale o salire sulle varie malghe. Gustose specialità e piatti traditionali  vengono servite nei vari ristoranti e nelle osterie.

La Val Martello viene anche chiamate la Valle delle fragole. Immersa nel Parco Nazionale dello Stelvio con i suoi  ghiacciai, viene considerata una delle piú belle valli laterali della Val Venosta. Si estende da 950 m fino al maiestoso Ghiacciaio del Cevedale con ben 3769 m.

Qui si trova tutto ció, di quello che ha bisogno l'ospite per rigenerarsi dalla vita quotidiana. Tranquillitá, l´aria pura di montagna, una natura intatta, fauna e una flora unica e un'infinitá scelta di percorsi nella valle, sentieri in alta montagna, una vista panoramica meravgliosa sul Ortles ecc..

Coldrano (Goldrain) con i suoi 900 abitanti si accosta idillicamente al Monte Sole, il quale affascina con la sua vegetazione particolare ed è punto di partenza per camminate in alta quota oppure escursioni panoramiche. Il nome di Goldrain spunta dalle tradizioni popolari, i "cunicoli d'oro" sottostanti le rovine del maso "Laggar", dal quale fino al 1600 si estreavano minerali e la leggenda narra di oro.